Da oggi Paolo Virzì sarà in tutte le sale con 'Notti magiche'.

Un film tributo ai grandi del cinema, ambientato sullo sfondo di una Roma che entra a fatica nel 1990 incassando la sua prima grande sconfitta quando l’Italia viene eliminata alle semifinali dall’Argentina durante i Mondiali.

'È la fine della Prima Repubblica, l’ancien régime politico, cinematografico e culturale si stava chiudendo. È l’anno dell’ultimo film di Fellini ed è l’anno in cui, i grandi maestri del cinema, della stagione considerata gloriosa, erano ancora tutti vivi, attivi e potenti', racconta Paolo Virzì a Rolling Stone.

'Per noi era divertente fare intrecciare le storie di tre aspiranti sceneggiatori con una vicenda di rilievo nazionale – che in verità rimane sullo sfondo – come, per l’appunto, quell’estate delle notti magiche, dei mondiali di calcio di Italia 90'.

Si tratta di un racconto variopinto e nostalgico, che menziona celebrità e volti della politica, creato sì come omaggio, ma anche per insegnare ai posteri una fetta della nostra storia.

'L’abbiamo fatta per chi non c’era. Per raccontare quell’epoca, quell’atmosfera e quel clima, per me indimenticabile'.

LATEST NEWS