Mel Gibson replica alle dichiarazioni shock di Winona Ryder.

L’attrice, in una recente intervista con il Sunday Times, aveva accusato il regista di omofobia e antisemitismo, ricordando un episodio avvenuto un decennio fa.

'Eravamo a una festa molto affollata con uno dei miei migliori amici - raccontava la star di 'Stranger Things' al tabloid -. Mel Gibson stava fumando un sigaro, stavamo chiacchierando, quando a un certo punto si avvicina al mio amico, che è gay, e gli dice: “Aspetta, non mi trasmetterai mica l’AIDS?”'.

'Poi se n’è uscito con qualcosa contro gli ebrei, dicendo: “Non sarai una che è scappata dai forni”?', ha affermato la Ryder, che ha perso molti familiari nei campi di concentramento.

La risposta di Gibson non si è fatta attendere.

Il regista, con un comunicato affidato al suo portavoce, ha contrattaccato la Ryder, rea di aver raccontato un mucchio di bugie.

'Tutto ciò è al 100% falso', si legge nella nota apparsa sul New York Post.

'Aveva mentito una decina di anni fa, parlando con la stampa, e ora sta rifacendo la stessa cosa. Sta mentendo anche sul fatto che (Gibson) abbia provato a scusarsi con lei. Molti anni fa si è messo in contatto con lei per confrontarsi sulle bugie che stava raccontando, ma lei rifiutò il confronto'.

LATEST NEWS